23
feb.
24
feb.
1
+ -
2
+ -
0
+ -
Età dei bambini
0
+ -
0
+ -
0
+ -
0
+ -
LA CITTA’ DI FELLINI

LA CITTA’ DI FELLINI

Federico Fellini ha raccontato Rimini solo dopo che si è allontanato da lei. La definisce “una dimensione della memoria”, vissuta tra nostalgia e voglia di fuggire via.  Per ritrovare le atmosfere oniriche del grande regista, immancabile una passeggiata a piedi, in inverno, lungo il litorale, partendo dal Grand Hotel, che in “Amarcord” viene raccontato come luogo simbolo dell’esotico e del lusso. Altra tappa il cinema Fulgor, in corso d’Augusto, dove Fellini da bambino vide il suo primo film e dove lavorò da adolescente come disegnatore di locandine. Dal Fulgor, in un breve tratto si raggiunge il borgo di San Giuliano, con le sue case colorate affacciate sugli stretti vicoli. Un angolo di Rimini protetto, defilato e silenzioso, dove Fellini amava passeggiare, e dove oggi dipinti murali ricordano l’opera del grande maestro.

LA CITTA DEI MALATESTA

LA CITTA DEI MALATESTA

Rimini è anche la città dei Malatesta, una delle più antiche Signorie il cui territorio si è esteso alle spalle della costa, lungo le stupende vallate del fiume Marecchia, tra verdi colline e borghi arroccati. Questa eredità storica e architettonica che risale a un periodo che va da Medioevo a Rinascimento, è ancora ben visibile e ci ricorda che Rimini non è solo mare. Una città storica e antica, ricca tutta e da scoprire.
Per ammirare la Rimini quattrocentesca, si parte dal Tempio Malatestiano, alla cui realizzazione collaborarono grandi artisti del tempo come Leon Battista Alberti e Piero della Francesca. Al suo interno la tomba di Sigismondo Malatesta e lo splendido Crocifisso di Giotto.

Movida e mondanità

Movida e mondanità

Per chi ama la mondanità, la zona di Rimini, Riccione e della riviera offre infinite opportunità di divertimento. Centro storico e litorale sono densi di locali, club, e discoteche spesso conosciute internazionalmente, meta di un turismo di tendenza che richiama giovani viaggiatori da tutta Europa. Partendo dall’aperitivo al noMi o in uno dei club del centro storico, si prosegue a cena, in un ristorante tipico sulle colline, o assaggiando le prelibatezze di mare dei numerosi e ristoranti sulla costa, fino al dopo cena, con una passeggiata in Viale Ceccarini a Riccione, o un cocktail nei tanti localini notturni. Per chiudere, balli e danze fino all’alba in una delle famigerate discoteche riccionesi.

It

ONLINE BOOKING

#2
#3
#4
- -
- -
- - -